CORTE DI CASSAZIONE

Responsabilità del sanitario: mancata visita domiciliare urgente a paziente malato terminale.

La Corte di Cassazione Penale, Sezione VI, del 2 marzo 2020, n. 8377, conferma l’orientamento giurisprudenziale in base al quale il sanitario, in servizio di guardia medica, risponde del reato di rifiuto di atti d’ufficio qualora non intervenga tempestivamente alla richiesta di intervento domiciliare urgente ma si limiti alla somministrazione telefonica. Leggere di più


Corte di Cassazione: il Giudice ha l’obbligo di motivare sulle risultanze della consulenza tecnica d’ufficio (CTU) in caso di critiche specifiche nel merito.

La Corte di Cassazione, terza sez. civ., con sentenza n. 8460, pubblicata il 5 maggio 2020, ha cassato con rinvio la sentenza impugnata della Corte d’Appello di Ancona, n. 1167/2017, ristabilendo la corretta logica che dovrà seguire stavolta il giudice di merito, al quale sarà rinviata la questione, nel rendere nuova motivazione, in maniera espressa e puntuale, con riguardo alle critiche sollevate dal consulente tecnico di parte (CTP) avverso le conclusioni della CTU.Leggere di più


Mancanza del consenso informato: risarcimento possibile (Cass. civ. 9331/2015)

Con la recente sentenza n. 9331/2015 la Corte di Cassazione torna a confermare il suo orientamento in merito alla autonoma risarcibilità, in capo alla paziente, del risarcimento del danno per mancanza del consenso informato.Leggere di più